Venezuela. Intervista al Costituente della classe operaia Nelson Herrera

«Il presidente Maduro mette a disposizione il suo incarico. Così l’opposizione venezuelana non ha scuse per disertare le elezioni del 6D». Intervista al Costituente della classe operaia Nelson Herrera

Geraldina Colotti

 

A pochi giorni dalle elezioni parlamentari, che si svolgeranno in Venezuela il 6 dicembre, e in occasione dei lavori della Piattaforma della classe operaia antimperialista (PCOA), abbiamo inviato alcune domande al compagno Nelson J. Herrera, Costituente della classe operaia, coordinatore generale della commissione per la promozione della Piattaforma della classe operaia antimperialista (PCOA). Herrera è anche segretario esecutivo della vicepresidenza della classe operaia del Partito socialista unito del Venezuela (VCO-PSUV) e presidente dell’Unione nazionale dei lavoratori pubblici dell’Habitat e dell’edilizia abitativa (SINTRAVISEP).

Questa è la sua premessa: “Comincio ringraziando la compagna Geraldina Colotti, agguerrita difensora delle più nobili cause dell’umanità per l’onore che mi fa permettendomi di far giungere il mio messaggio attraverso vari canali di comunicazione ai lavoratori e alle lavoratrici del mondo. Continuo presentandomi, considerando che attualmente sto assumendo responsabilità internazionali. Il mio nome è Nelson J. Herrera Pérez, della Gioventù operaia della Centrale Bolivariana Socialista dei Lavoratori (JObreraCBST), eletto con il voto dei lavoratori e delle lavoratrici della Gran Misión Vivienda Venezuela, come Presidente dell’Unione Nazionale dei Lavoratori Pubblici Habitat e Vivienda (SINTRAVISEP). Successivamente, sono stato eletto con voto diretto, universale e segreto come Costituente dei lavoratori e lavoratrici dei servizi e ho assunto la sottocommissione per i diritti umani dell’Assemblea Nazionale Costituente.

Allo stesso modo, gli incarichi sopra descritti mi hanno permesso di assumere la responsabilità nel Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV) come Segretario Esecutivo della Vice Presidenza settoriale della Classe Operaia, guidata dal compagno Francisco Torrealba.

In questo processo di rinnovamento mi è stato anche consentito di guidare il Coordinamento generale della Piattaforma della classe operaia anti-imperialista (PCOA), un’iniziativa promossa dal Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela Nicolás Maduro Moros e supportata dalla Vice Presidenza della classe operaia del PSUV e dalla Central Bolivariana Socialista de Trabajadores de Venezuela (CBST-PCC). Immediatamente colgo l’occasione per rispondere alle domande poste ”.

 

Com’è nato questo congresso e qual è stato il tuo compito?

Il XXV Foro di San Paolo, svoltosi a Caracas, in Venezuela, tra il 25 e il 28 luglio 2019, ha iniziato a concentrare in quello spazio le idee progressiste, offrendo una preziosa opportunità ai dirigenti popolari di animare la nobile causa della salvezza della vita e la speranza di un nuovo mondo molto più egualitario, multicentrico e pluripolare, specialmente in questa fase di avanzata dell’oligarchia in America. Il Foro di San Paolo ha deciso di organizzare azioni che affrontino il dominio dell’imperialismo yankee in ogni spazio che lo consenta. Il Venezuela è diventato quindi l’epicentro del coordinamento di vari congressi, iniziati a fine agosto 2019 con il Primo Incontro Internazionale dei Lavoratori e delle lavoratrici, in cui il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela Nicolás Maduro ha espresso la necessità di stabilire una Piattaforma Globale dei Lavoratori e Lavoratrici in grado di articolarsi con leader sindacali, organizzazioni, movimenti e individualità del campo sindacale, politico, dell’area progressista, del mondo accademico e della società per unire le forze e intraprendere la lotta per un domani migliore.

All’inizio del 2020, le delegazioni operaie partecipanti all’Incontro mondiale contro l’imperialismo tenutosi a Caracas tra il 22 e il 24 gennaio 2020, hanno stabilito le basi della Piattaforma mondiale dei lavoratori e delle lavoratrici.

In considerazione di ciò e dell’impatto che il COVID-19 stava generando nel mondo del lavoro, la Centrale Bolivariana des Trabajadores (CBST-PCC) e la vicepresidenza della classe operaia del PSUV (VCO-PSUV), per il 1 ° Maggio 2020, si prendono l’impegno di consolidare la Piattaforma della Classe Operaia Antiimperialista (PCOA), creando così un team multidisciplinare per raggiungere questo obiettivo. Per questo, convinti dell’impegno incrollabile per le cause più edificanti dell’umanità e dell’importanza fondamentale della classe operaia nell’assumere l’avanguardia nella lotta contro il nostro nemico storico, si sono tenuti 19 incontri bilaterali e 12 multilaterali (31 virtuali): un totale di 54 ore e 45 minuti per arrivare al 12 e 13 novembre 2020 con una media di oltre 200 delegati da più di 60 paesi dei 5 continenti interessati ad unire le volontà di attuare politiche e azioni attraverso la Piattaforma della classe operaia anti-imperialista (PCOA). C’è da dire che questa opportunità di assumere il Coordinamento Generale della PCOA in tutte queste fasi si è data per la fiducia nei miei confronti da parte dei compagni Francisco Torrealba, Vice Presidente della Classe Operaia del PSUV, e Wills Rangel, Presidente della CBST.CCP, impegno che assolvo congiuntamente ad un team organizzativo di esperti in ambito diplomatico e sindacale

 

Qual è l’analisi da cui sei partito e cosa propone la PCOA dopo il suo primo incontro mondiale?

Si inizia con la richiesta delle persone di poter vivere, vista l’opportunità che il COVID-19 ha dato per vedere che il sistema attuale non funziona. Il Coronavirus ha rivelato l’inefficienza del sistema capitalistico per quel che riguarda la gestione sanitaria, sociale, economica e politica, dove purtroppo i più colpiti da questa crisi realmente generata dal capitalismo (la vera pandemia), sono i lavoratori, vittime della disuguaglianza e distribuzione ingiusta della ricchezza. I dati sono allarmanti: più di 500 milioni di disoccupati, più del 50% di poveri nel mondo e in questo contesto si muove la PCOA: considerando questi nuovi tempi del 21° secolo e le nuove forme di sfruttamento che dobbiamo affrontare per promuovere le lotte contro la precarietà del lavoro nel mondo, al fine di garantire condizioni di lavoro dignitose e sicure che consentano ai lavoratori di sviluppare le proprie potenzialità, capacità creative e il pieno rispetto dei propri diritti umani.

In considerazione di ciò, ci siamo posti la sfida di formare nuclei della PCOA in diverse nazioni e creare spazi di articolazione regionale e continentale che consentano alle varie organizzazioni, leader, movimenti sindacali, lavoratori, politici, intellettuali, dirigenti delle organizzazioni popolari che coincidono nello stesso obiettivo, che è la lotta contro il nostro nemico storico (l’imperialismo).

I nuclei sono la base organizzativa della PCOA, uno spazio per la deliberazione, il coordinamento, l’articolazione e l’azione all’interno delle singole nazioni.

Come interagisce questo congresso con altri eventi internazionali che si sono svolti dopo lo scorso anno a Caracas?

Il lavoro è la fonte di sviluppo per tutte le nazioni, il lavoratore, sia formale che informale, attraversa tutti gli ambiti e per questo è importante sottolineare che il sistema dominante a livello globale ha avuto il compito di dividere i popoli e i loro strati produttivi: i contadini, i pescatori, gli operai, i tecnici, i professionisti, affinché non possiamo considerarci uguali e ci perdiamo in lotte effimere, mentre loro continuano a sfruttare, possedendo i mezzi di produzione e prendendosi il 90% della ricchezza mondiale.

La PCOA è uno spazio ampio e globale per collegare e articolare gli oppressi. Pertanto, è integrato nelle varie forme di organizzazione che hanno lo stesso scopo. In relazione alle altre organizzazioni che sono state costituite negli incontri tenutisi lo scorso anno a Caracas, tengo a precisare che fanno parte della stessa PCOA, la Piattaforma antimperialista che è stata approvata nel gennaio di quest’anno.

 

Hai partecipato al Congresso internazionale sul Blocco Storico che si è svolto recentemente in Venezuela? E se sì, con quale posizione all’interno del dibattito che si è sviluppato su questo tema?

In effetti, la nostra posizione si inserisce nell’unità delle forze rivoluzionarie e al di là delle differenze che possono esistere su certi temi, è necessario rafforzare i punti su cui siamo d’accordo per svolgere azioni comuni, per superare le avversità e riconoscere i veri nemici. Dal movimento operaio viene l’impulso del Sistema di Governo Popolare, e per il movimento operaio è necessario continuare a elaborare le basi programmatiche che segneranno i processi di costruzione del socialismo, considerando le realtà esistenti con meno retorica e più azione. Le sanzioni illegali ci hanno fatto adottare azioni che in condizioni normali non sarebbero state intraprese, quindi è necessario capire il contesto.

 

Come avete valutato l’approvazione della Legge anti-bloqueo nel Sindacato di Hábitat y Vivienda e nell’ANC, considerando le critiche rivolte da alcune forze che, come il PCV, hanno deciso di rompere l’unità del Gran Polo Patriottico?

In relazione alla Legge anti-bloqueo per lo sviluppo nazionale e per la garanzia dei diritti umani, abbiamo raccolto alcune preoccupazioni. Tuttavia abbiamo osservato che alcune di queste erano basate su speculazioni, ignoravano che questa legge, discussa nel corso di infuocati dibattiti, mira a garantire il pieno godimento dei diritti umani, viste le conseguenze delle sanzioni illegali e criminali. E per questo molti di noi assumono con grande speranza la Legge Antibloqueo per lo Sviluppo Nazionale e la Garanzia dei Diritti Umani, considerando che attualmente i salari sono stati fortemente colpiti dalle conseguenze del blocco economico, e questo strumento prevede nei suoi Articoli che le Risorse che si generano mediante la Legge vengano utilizzati per sviluppare un sistema di compensazione del lavoro e, inoltre, che ogni azione che deve essere intrapresa per promuovere lo sviluppo armonioso dell’economia nazionale è obbligata a garantire la stabilità del lavoro.

 

In che modo la PCOA si relaziona a forze di diverso orientamento, specialmente dai paesi capitalisti?

Comprendendo che queste organizzazioni esistono, è importante sottolineare che la PCOA è un movimento che mira a contribuire alla rinascita delle lotte antimperialiste dei lavoratori contro il progetto neoliberista globale con una nuova identità sociale, basata sulla molteplicità e la diversità.

Per questo le nostre alleanze e i nuclei sono sostenuti da organizzazioni politiche, movimenti sociali, organizzazioni sindacali, leader e individui legati al mondo del lavoro, che lottano per la pace, la democrazia, l’autodeterminazione e la solidarietà tra i lavoratori, contro le ingerenze imperiali. Qualunque sia il paese in cui si trovano. Bisogna sottolinerare che la PCOA mira a creare un processo di articolazione delle lotte che consenta una rinascita del movimento della classe operaia mondiale con potere e capacità di creare proposte di azione politico-organizzativa e sociale che affrontino i nostri nemici storici nel mondo (imperialismo), per raggiungere la pace, la giustizia e il benessere sociale con uno sviluppo sostenibile.

 

In che termini si pone, a tuo parere, la questione della rottura tra le forze rivoluzionarie nelle condizioni attuali?

 

Rispondo a questa risposta con grande umiltà, iniziando con il precisare che sono certo che il tempo ci farà ritrovare con queste organizzazioni, che attualmente hanno avuto una posizione che per certi motivi non condivido. Partendo da questa idea, credo che non ci sia rottura, ma differenze che possono essere affrontate dopo le elezioni. Per questo motivo, siamo obbligati a consolidare i punti di convergenza e a comprendere che qualsiasi stranezza, divisione o generalizzazione di una contraddizione può rafforzare il nostro nemico comune.

 

Qual è il ruolo della comunicazione popolare nel processo di costruzione della PCOA?

Pensiamo che i comunicatori e le comunicatrici popolari facciano parte della classe operaia con le loro tecniche e conoscenze speciali nel campo della comunicazione. In questo senso, l’integrazione e l’alleanza con i comunicatori popolari è estremamente importante. Pertanto, dalla PCOA, abbiamo attivato conversazioni con varie organizzazioni di comunicazione come CONAICOP che consideriamo un alleato strategico nell’area della comunicazione. Per questo, nella costituzione dei nuclei della PCOA, le reti di comunicazione devono essere rafforzate per superare le barriere mediatiche che ci impongono e per poter articolare i diversi spazi di riflessione, azione, socializzazione e diffusione delle esperienze sociali e produttive e di lotte operaie e popolari.

 

Come vedi la situazione in Venezuela, a pochi giorni dalle elezioni 6D e dopo la vittoria di Biden negli Stati Uniti?

Prima di rispondere a questa domanda, vorrei aggiungere che oggi è evidente che la perseveranza dei popoli può generare risultati positivi, lo sottolineo, visto che si sono concretizzate alcune campagne intraprese a livello mondiale: Basta Trump, Lula libero, per esempio. Pertanto, la nostra speranza che Biden cambi le sue politiche riguardo il Venezuela dipenderà dalle azioni di solidarietà portate avanti nel mondo. Alle prossime elezioni del 6 dicembre, è in gioco molto di più del parlamento nazionale, dal momento che il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela ha annunciato che se i partiti di opposizione vincono le elezioni, lascerà la presidenza, e ha messo nelle mani del popolo il destino della rivoluzione. In altre parole, il 6 dicembre, il Venezuela si avvia verso un processo storico che mira al rinnovo dei deputati dell’Assemblea Nazionale, in conformità con quanto stabilito nella sua Magna Carta e anche alla continuità della Rivoluzione Bolivariana nella figura del suo presidente. In questo momento, il nostro fratello di classe, Nicolás Maduro, ha dimostrato una volta di più il suo spirito democratico, mettendo senza paura il suo incarico a disposizione, in modo che l’opposizione venezuelana non abbia scuse per non partecipare. Per questo, i risultati elettorali nasceranno dalla volontà e dalla coscienza del popolo venezuelano, espresse attraverso il voto universale, diretto e segreto. In Venezuela, la sovranità risiede in modo non trasferibile nel popolo, che la esercita indirettamente attraverso il voto.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *