Venezuela. «Congresso Bicentenario dei Popoli del Mondo, un programma di lotta globale». Intervista a Nelson Herrera

Geraldina Colotti

Instancabile e determinato, Nelson Herrera, segretario esecutivo della Vice Presidenza della classe operaia del Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV), non si risparmia. Grazie all’impegno collettivo di compagni come lui, la rivoluzione bolivariana continua ad essere un esempio di unità e resistenza. Nelson fa parte del comitato organizzatore del Congresso Bicentenario dei Popoli del Mondo, che in questi giorni riunirà rappresentanti di partiti, movimenti femministi e popolari e sindacati a livello internazionale. Lo abbiamo sentito per questa occasione.

Qual è l’analisi alla base della convocazione del Congresso Bicentenario dei Popoli del Mondo?

Alla vigilia della commemorazione dei 200 anni della Battaglia di Carabobo, impresa storica guidata dal liberatore Simón Bolívar per garantire l’indipendenza del Venezuela dal Regno di Spagna, il presidente Nicolás Maduro ha convocato il Congresso Bicentenario dei Popoli al fine di approfondire la rivoluzione bolivariana come principale forza storica, politica e sociale in Venezuela. Per questo motivo sono stati convocati diversi leader nazionali, che hanno riproposto l’agenda di lotta dei movimenti sociali, attraverso il loro re-incontro e la loro riunificazione, rafforzando così l’unità politica e programmatica della leadership sociale del chavismo, attorno agli obiettivi della Rivoluzione Bolivariana. In questo contesto, il Presidente Nicolás Maduro, osservando le dinamiche nazionali indotte dal Congresso, ha deciso di allargare queste discussioni e dibattiti anche al di fuori del nostro territorio, invitando così alla preparazione del Bicentenario dei Popoli del Mondo, che si terrà in tre fasi. La Prima, è la scuola propedeutica dove i settori sono convocati per il primo incontro e sono destinati a formare equipe internazionali di ogni settore, e si conclude il 26 marzo con un grande Meeting di quelle squadre. Va notato che, per quanto riguarda lavoratrici e lavoratori, la loro attività preparatoria si svolge il 22 marzo.

La seconda fase è quella delle giornate lavorative per dette squadre, che dovranno presentare proposte attraverso un’agenda destinata a consolidare un piano di lavoro. E la terza fase è il Grande Congresso Bicentenario dei Popoli del Mondo, che si terrà a giugno. È importante sottolineare che questo Congresso convoca attivisti, leader politici, sociali e sindacali alleati della Rivoluzione Bolivariana, al fine di unire e articolare un grande programma di lotta che possa coordinare i movimenti sociali, i partiti politici e i sindacati del mondo al fine di affrontare le dure condizioni subite dalla maggior parte della popolazione del pianeta, a causa della voracità dell’imperialismo, che ha accelerato nel bel mezzo del covid-19.

Qual è la responsabilità dei sindacati nel Congresso Bicentenario dei Popoli del Mondo?

La comprensione, la resistenza dei lavoratori venezuelani e la loro capacità di restare in piedi nonostante i molteplici attacchi dell’imperialismo, diventando uno dei principali fari per la lotta per un mondo più giusto, ha spiegato in dettaglio che il Bicentenario dei Popoli del Mondo Settore Operaio e Operaio sia finalizzato a creare un processo che consolida l’unità e l’articolazione del Movimento Nazionale e Internazionale del Lavoro, al fine di contribuire all’approfondimento della Rivoluzione Bolivariana come una delle principali forze storiche, politiche e sociali del questi tempi. Pertanto, gli incontri che si stanno realizzando devono stabilire le basi programmatiche che consentano di consolidare gli spazi di articolazione e coordinamento della lotta delle lavoratrici e dei lavoratori del Mondo e sviluppare così congiuntamente un Piano d’azione dove solidarietà, internazionalismo e formazione siano punti fondativi. Per quanto riguarda la formazione, credo che si debbano costruire le basi di una grande rete o scuola che, attraverso studi ed esperienze, consenta lo scambio di conoscenze o alternative socio-produttive non dipendenti dal capitalismo.

Inoltre, non dobbiamo trascurare l’emergere di nuovi meccanismi di aggressione e disuguaglianza nei confronti dei nostri fratelli e sorelle di classe, che indubbiamente portano i segni delle gravi sofferenze e battute d’arresto in atto in termini di benessere collettivo. Senza dimenticare che i dati internazionali rivelano che una grande percentuale di posti di lavoro di cui siamo a conoscenza sta scomparendo. Per questo credo che i sindacati debbano intraprendere un processo di rinnovamento per non diventare obsoleti.

Qual è il bilancio dei precedenti eventi internazionali sviluppati nell’ambito del Congresso? Quali sono state le principali difficoltà evidenziate?

La difficoltà principale è rappresentata dal COVID-19. Tuttavia è necessario sottolineare che gli Incontri Antimperialisti hanno lasciato una base estremamente importante, che ha facilitato la nostra articolazione con i nostri uguali e le nostre uguali nel mondo. Dal settore operaio è nata la Piattaforma della classe operaia antimperialista (PCOA), un progetto ambizioso e interessante per chi di noi lotta per un mondo migliore.

Cosa chiede il Congresso ai movimenti internazionali in questa fase di rinnovato attacco alla rivoluzione bolivariana?

Per continuare insieme, esamineremo e approfondiremo questioni di interesse comune, al fine di sviluppare un’agenda comune, in cui ci concentreremo sulla lotta dei popoli per la loro sovranità e per la difesa dei diritti umani contro misure coercitive unilaterali applicate illegalmente dall’imperialismo. Lavoriamo per togliere la maschera a quei governi che hanno anteposto il capitale all’umano. Adottiamo azioni che affrontino queste contraddizioni nel mondo, che hanno preso piede nel bel mezzo della pandemia covid-19.

Come si è inserito il Congresso Bicentenario dei Popoli nel IV Congresso del PSUV?

Il Partito Socialista Unito del Venezuela è un grande motore politico e organizzativo, che stimola e mobilita le azioni della base. Per questo, la struttura del PSUV sta promuovendo movimenti e sindacati per favorire la ricostruzione della maggioranza chavista, attraverso una nuova offensiva per espandere le forze sociali della Rivoluzione, con una leadership genuina, legittima e rinnovata.

Qual è il tuo ruolo attuale nella rivoluzione e nel Congresso Bicentenario dei Popoli del Mondo?

Attualmente, milito con una grande squadra di uomini e donne dell’Unione Nazionale dei lavoratori dell’edilizia pubblica della Gran Misión Vivienda Venezuela, con la quale speriamo di ottenere benefici per tutti questi lavoratori e lavoratrici, che partecipano alla costruzione di 3.500.000 case, attraverso un contratto collettivo (giusto e necessario). Inoltre, svolgo funzioni nel PSUV come Segretario Esecutivo della Vice Presidenza della Classe Operaia, dove ho guidato il consolidamento del PCOA insieme a una equipe di compagni e compagne. Va notato che queste ultime responsabilità mi hanno permesso di integrare il Comitato Nazionale Promotore del Bicentenario Congresso dei Popoli – Settore Lavoratori, con importanti leader sindacali quali: Eduardo Piñate, ministro del Lavoro, membro nazionale del Congresso Bicentenario Congresso dei Popoli; Francisco Torrealba, Vice Presidente della Classe Operaia del PSUV, Deputato del Potere Legislativo e Vice Presidente della CBST; Salvador Lugo, responsabile della gioventù lavorativa e produttiva, viceministro della scienza e della tecnologia; Oswaldo Vera, Deputato del Potere Legislativo e membro del Consiglio Consultivo della CBST; Franklin Rondón, Deputato del Potere Legislativo e Vice Presidente della CBST; Johana Santeliz, Vice Ministra del Ministro del potere popolare per il processo di lavoro sociale; Wills Rangel, Deputato del Potere Legislativo e Presidente della CBST; Angel Marcano, Deputato del Potere Legislativo e Presidente della FBST – Stato Bolivar; Eglé Sánchez, Deputato del Potere Legislativo e Vice Presidente della CBST; Erly Morales, Gioventù Petrolera; Daniel Alviarez, Gioventù lavorativa e produttiva dello Stato Bolívar.

In questo gruppo ho imparato molto e approfitto di questa intervista per ringraziarli uno per uno…

Un comentario en «Venezuela. «Congresso Bicentenario dei Popoli del Mondo, un programma di lotta globale». Intervista a Nelson Herrera»

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *