Genesi dell’Unione Civico-Militare (Parte 4)

 

Sensazione bolivariana

Adán Chavez Frias

@adancoromoto

Genesi dell’Unione Civico-Militare (Parte 4)

 

I

Nella puntata precedente in cui abbiamo affrontato questo aspetto fondamentale dell’eredità del comandante Hugo Chávez, abbiamo fatto riferimento, menzionando la sua permanenza tra l’amata popolazione di Elorza, al terzo Congresso Nazionale del Movimento Rivoluzionario Bolivariano 200 (MBR-200).

Nel primo di questi incontri che aveva avuto luogo, dopo quella fase di espansione e rafforzamento del Movimento tra il 1983 e il 1984, verso la fine del 1985, era presente una ventina di delegati, che rappresentavano le regioni in cui avevamo diviso il paese ai fini delle nostre azioni organizzative:

Il Comando de Área Revolucionaria (CAR) “Guaicaipuro”, che comprendeva quello che oggi è il Distretto della Capitale, e gli stati di Miranda e Vargas; il CAR “Variná”, limitato agli stati di Apure e Barinas; il CAR «Mara», dello stato Zulia; e il CAR «Timotocuicas», con la sua base operativa nelle Ande venezuelane; tra gli altri.

In quel Congresso, tenutosi al CAR «Guaicaipuro», fu discussa una bozza del Progetto Nazionale «Simón Bolívar», che delineava una serie di linee guida strategiche relative a un nuovo modello economico, lavoro educativo, salute, produzione relazioni nazionali e internazionali, tra le altre aree.

Nel febbraio 1986 si tenne il secondo congresso nazionale dell’organizzazione. Si trattò comunque di un rapido incontro nel fine settimana, in cui vennero riviste le linee guida puramente organizzative, comprese quelle relative alle misure di sicurezza che dovevano essere adottate dai membri del Movimento per evitare la persecuzione di cui erano oggetto, e quindi impedire, in questo modo, che le loro attività venissero rilevate, data la natura clandestina in cui venivano svolte.

La questione organizzativa era presente anche nelle deliberazioni del summenzionato terzo Congresso Nazionale dell’MBR-200, tenutosi nel maggio dello stesso anno nel «Timotocuicas» del CAR, in particolare nella città di San Cristóbal a Tacho. L’agenda di quell’incontro includeva questioni relative alle strategie per continuare ad aggiungere militari e civili al movimento, inclusa la partecipazione di organizzazioni popolari; così come altre di natura ideologica, vista la determinazione del leader storico della Rivoluzione Bolivariana a finire di modellare l’Albero delle Tre Radici, basato, come è noto, sulle idee del Padre Libertador Simón Bolívar, del maestro Simón Rodríguez e del Generale del Popolo sovrano, Ezequiel Zamora.

In totale, si sono tenuti cinque Congressi dell’MBR-200; l’ultimo si è svolto nel 1989, a Maracay, dopo il «Caracazo». Per motivi di sicurezza, si decise di non continuare a utilizzare questa metodologia per le riunioni e i dibattiti del Movimento; questa modalità sarà successivamente sostituita da contatti più personalizzati e piccole riunioni, sempre con l’idea fissa di consolidare una vera unità civile-militare.

 

II

Naturalmente, date le condizioni in cui si è sviluppato, questo processo non è mai stato privo di alti e bassi. Alla fine del 1987 l’allora maggiore Chávez Frías lasciò Elorza, diretto a San Juan de los Morros, capitale dello stato Guárico, dove prestò servizio come assistente del generale Arnoldo Rodríguez Ochoa; che a metà del 1988 fu nominato segretario del Consiglio di sicurezza e di difesa nazionale (SECONASEDE), i cui uffici erano situati nel Palazzo Bianco, di fronte a Miraflores. Lì arrivò Chavez, che era ancora un assistente del generale in questione.

In quegli anni, le forze di sicurezza della Quarta Repubblica aumentarono il monitoraggio dei bolivariani; ma nonostante le voci e i sospetti, non furono in grado di raccogliere prove contro di loro, quindi adottarono una sorta di tattica per tenerli lontani dai centri di comando. In quei mesi, Hugo fu inviato in Guatemala per partecipare a un «Corso internazionale di perfezionamento in affari civili per funzionari degli Stati democratici».

Quando tornò dal corso alla fine del 1988, la persecuzione contro di lui aumentò, al contempo che aumentava la pressione sugli altri membri del Movimento Bolivariano. Alcuni furono inviati, come Hugo all’epoca, all’estero; e altri furono costretti a chiedere il ritiro. Inoltre, vi furono alcuni casi di diserzione.

Quindi, al suo ritorno, Chávez trovò il Movimento diminuito, quasi disattivato; una situazione che fu motivo di grande scoraggiamento per il leader bolivariano, al punto che «… pensava che tutto stesse finendo … Il nostro Movimento si stava disperdendo. Così ho deciso di studiare scienze politiche … e ho persino pensato … di lasciare l’esercito e passare alla lotta politica civile «.

In quel mare di incertezze, accogliamo l’anno 1989. Carlos Andrés Pérez, che aveva vinto le elezioni del 1988, assume la presidenza il 2 febbraio; e pochi giorni dopo rende nota l’applicazione nel paese di un «pacchetto neoliberale», su richiesta del Fondo monetario internazionale (FMI). Tra le altre misure, annuncia l’abolizione dei controlli sui cambi, la privatizzazione delle società pubbliche, i tagli ai programmi sociali e un notevole aumento del costo dei prodotti e dei servizi di base. Spicca anche, a causa dell’impatto su una popolazione trascurata da un governo che non aveva dato la priorità al benessere delle persone, l’aumento del prezzo della benzina e il conseguente aumento delle tariffe dei trasporti pubblici.

Quindi, di fronte a questo panorama terribile, il 27 febbraio scoppia un’insurrezione popolare. Com’è noto, inizia a Guarenas; ma in poche ore, il malcontento si diffonde nella Gran Caracas e in altre capitali del paese. Il cosiddetto «Caracazo» fu in realtà un «venezuelanazo», contro il quale il governo adeco di Pérez decretò un coprifuoco e attivò il cosiddetto «Plan Ávila», scatenando una brutale repressione per cercare di stroncare quella prima rivolta popolare contro il neoliberismo nella Nostra America latina e caraibica.

 

III

Quel giorno, il maggiore Chávez Frías si svegliò nel quartier generale della SECONASEDE, nel Palazzo Bianco, afflitto da febbre e forti dolori articolari. Pensò, come ha confessato a Ramonet: «I miei figli mi hanno attaccato la varicella»; un sospetto che alla fine fu confermato, poiché i bambini di Hugo avevano quella malattia.

A causa di quel malessere, decise di trasferirsi a casa sua a San Joaquín, nello stato di Carabobo; dove un collega dell’MBR-200 lo stava aspettando, lo informò di ciò che stava accadendo nel paese e gli chiese cosa fare in una situazione del genere, ricevendo in risposta: “Valutiamo, ma da quello che sappiamo, sembra che non dobbiamo fare nulla; Questo ci ha colti completamente impreparati e non coordinati «.

La stessa riflessione viene fatta da Chávez in una telefonata ad Arias Cárdenas, quando l’insurrezione popolare era in pieno svolgimento; così gli si rivolse: “Il Popolo ci ha anticipato. È uscito fuori per primo: dopo tanto aspettare una opportunità come questa, ecco che il Popolo si sveglia e ci trova dispersi”.

In quei giorni contro il popolo venezuelano fu commesso il più grande massacro del 20 ° secolo. Il governo applicò in modo criminale il terrorismo di Stato; quindi, Chávez non esitò a considerare la Quarta Repubblica come una dittatura mascherata da democrazia; un apprezzamento con cui siamo totalmente d’accordo, quindi continuiamo a gridare con il nostro Eterno Comandante: proibito dimenticare !!

Il Caracazo fu, secondo l’opinione del leader storico della Rivoluzione Bolivariana, “… l’evento politico più importante del XX secolo venezuelano. E, in questo senso, segna la nascita della Rivoluzione Bolivariana ”: nella misura in cui ha approfondito la convinzione di coloro che facevano parte del movimento bolivariano circa la necessità di fare presto qualcosa per cambiare la situazione che esisteva nel paese.

 

(Traduzione di Geraldina Colotti, @BRICS-PSUV Italia)

 

 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *